The Best is yet to come... prenota ora la tua casa senza commissioni di agenzia!

Altri Criteri
1 stella   2 stelle

3 stelle   4 stelle

5 stelle
Prezzo:
Prezzo min: 0 €
Prezzo max: 5000 €
Aria condizionata

Posto auto

Piscina

Ascensore

Animali ammessi

Lavastoviglie

Lavatrice

Wi-fi
Bologna

Bologna è una città particolare per l'integrità del suo tessuto urbano entro la cerchia delle mura medievali, che risalgono al XIV secolo. Questo tessuto è ancora intatto e domina, anche visivamente, le singole opere architettoniche. Qui anche i più bei palazzi rinascimentali e barocchi sono riassorbiti dalle maglie della planimetria medievale, e si allineano lungo direttrici a stella che partono dal cuore della città.

 

 

La continuità delle strade e dei quasi 40 chilometri di portici, caratteristica della città, non consente ai palazzi di isolarsi. Il portico guida il visitatore alla scoperta della città e dei suoi monumenti. Ma guida anche alla scoperta dei negozi, degli atelier, delle botteghe artigiane, dei mercati, come quello delle erbe. La gioia di vivere diventa anche piacere di fare shopping, di andare per mercati cittadini, rionali e nei centri della provincia, dove non è raro incontrare sagre e feste che coniugano tradizioni, cultura e divertimento. Un capolavoro come Palazzo Bevilacqua col suo magnifico prospetto lavorato a punta di diamante, o come i palazzi della nobiltà senatoria (Fantuzzi, Albergati, Montanari), si affacciano all'improvviso sul filo della strada, mentre i portoni si aprono inaspettatamente su interni spettacolari, magnifici cortili, ampi scaloni.

 

 

Piazza Maggiore è una delle più antiche, belle e vaste piazze d’Italia. Qui si adunava il popolo per ascoltare le leggi, i proclami, le decisioni del Governo, le sentenze capitali, che venivano comunicati dal balcone del Palazzo del Podestà. Su questa piazza, si svolgevano i tornei dei cavalieri, si davano feste popolari con "alberi della cuccagna" e spettacoli di burattini. Fino all’inizio del Novecento, Piazza Maggiore accoglieva i banchi di verdura ed ogni settimana vi si teneva il mercato. Nel Quattrocento la piazza raggiunse la sua forma attuale, con il contorno degli edifici che tuttora la circondano: il Palazzo dei Notai, il Palazzo del Comune, il Palazzo del Podestà, il Portico dei Banchila, la Basilica di S. Petronio. Da non perdere, in piazza di Porta Ravegnana, le torri medievali simbolo della città (Torre degli Asinelli e Torre Garisenda).

 

 

I secoli d'oro dell'arte bolognese sono il XIV e il XVII. In virtù delle opere realizzate in questi secoli Bologna è rimasta tappa del viaggio rituale che tutti gli artisti e gli scrittori romantici, da Füssli a Goethe e Stendhal, intraprendevano dal nord verso Roma. I monumenti religiosi del gotico, le chiese e i conventi di San Francesco e San Domenico con le tombe dei Glossatori, sono l'espressione di quel rapporto privilegiato con le regioni del nord che favorirà anche uno sviluppo della pittura e della miniatura nel XIV secolo (antigiottesco e antifiorentino).  

 

 

Bologna è anche città della natura: visitare Bologna significa incontrare numerosi parchi, i giardini Margherita, quelli della Montagnola, l'Orto Botanico, i giardini di San Michele in Bosco e quelli delle ville Mazzacorati e Ghigi. Qui fra alberi secolari e monumentali, vive una ricca fauna. Le colline dell'Appennino hanno un importante valore naturalistico e presentano una qualificata e diversificata offerta turistica legata all'ambiente: dai centri artistici minori alle terme, dallo sport all'escursionismo, dall'agriturismo all'enologia, alla gastronomia.

 

 

E' città della gola: visitare Bologna stimola il piacere dei sensi e appaga in particolare quello del gusto. La gastronomia bolognese è rinomata in tutto il mondo e la tavola qui è una specie di rito. Mangiar bene a Bologna e dintorni è facile, innumerevoli le osterie e i ristoranti. Fra le specialità sono noti in particolare i tortellini e la mortadella, le lasagne verdi, le tagliatelle, la cotoletta alla bolognese ed i salumi. I vini consigliati sono il Sangiovese, il Lambrusco, l’Albana e il Trebbiano.

Galleria Fotografica di Bologna
Immobili a Bologna